Paura del rifiuto


DOMANDA
Ho capito di avere un problema e vorrei una mano per risolverlo o dominarlo.
Da 8 anni non mi innamoravo più, da quando ho avuto una grossa delusione che mi ha anche spinto in una depressione e ad odiare la mia stessa esistenza. Ora quella fase è passata, amo me stesso e la mia vita, da poco tempo i sono innamorato di una donna, non ho avuto difficoltà a dirlo a lei, anche se pensavo di avere paura di farlo, lei è attratta da me, anche se fidanzata, come è normale che sia lei ha alti e bassi, a volte non può fare a meno di me, altre volte mi trascura. Quando mi trascura io, invece di capirlo divento insicuro e dopo una settimana inizio ad essere aggressivo ed a cercare lo scontro, che puntualmente arriva ferendoci a vicenda. Secondo me è dovuto alla mia insicurezza ed alla mia paura del rifiuto, ma come posso cercare di migliorare questa parte della mia personalità?
Grazie,
Christian

RISPOSTA
Caro Christian, è comprensibile e normale che dopo una delusione d’amore ci voglia del tempo per riprendersi e non sia facile riacquistare subito fiducia nella coppia. La vicenda che mi racconti però è un po’ strana, o meglio dall’esterno mi viene da dirti innanzitutto ma ti sembra una cosa normale essere il compagno innamorato di una che è già fidanzata e che lei ti corrisponda? Credo che entrambi siate emotivamente coinvolti, ma tu ti sia cercato una ragazza già impegnata perchè ancora non sei pronto e non vuoi una storia vera. Non hai affatto paura del rifiuto perchè tu stai con una persona che in partenza ti ha già rifiutato in quanto ti ha messo al secondo posto e se ci stai significa che non ti dispiace. Non c’è niente che non va nella tua personalità, fai quello che ti senti di fare, prenditi i tuoi tempi, in attesa che arrivi la persona giusta. Prova a pensare a come sarebbe la tua storia se questa ragazza mollasse il suo fidanzato… secondo me le ipotesi sono: 1. tu ti stuferesti perchè non vuoi una fidanzata ora 2. avresti paura che lei ti tradisse come fa ora con il suo ragazzo.
Dici che la capici quando ti trascura? Se ti amasse veramente non avrebbe occhi che per te! Non fare l’errore di giustificare lei e cercare il problema in te, questo è il mio consiglio.
Ilenia

DOMANDA:
Il fatto è che io non ho affatto detto che lei è innamorata di me, lei è attratta da me, ma non penso a cosa possa accadere in futuro, lei è stata molto chiara in questo, il problema sta nel mio cervello che avendo paura di soffrire come successo nel assato ha costruito un sistema di autodifesa che però interviene anche quando non dovrebbe. Lei è fidanzata e felice, attratta da me ed io sono attratto da lei e provo qualcosa di molto vicino a quello che mi ha portato a soffrire anni fa, non dovrei preoccuparmi di nulla, visto che la situazione è molt chiara, invece appena sento che lei è più distante cerco nei suoi comportamenti qualcosa che mi faccia capire che lei mi stà per far soffrire (paranoia) e poi reagisco con aggressività, cercando lo scontro. E’ già successo 3 volte ed ogni volta che accade è sempre più duro lo scontro. Devo distruggere questo sistema di autodifesa troppo sensibile che interviene anche a sproposito, come posso fare?
Grazie per la tua risposta,
Christian

RISPOSTA:
Se siete attratti l’uno dall’altro è perchè tu ti consideri opposto a lei ovvero tu rifiutabile e lei desiderabile (visto che ha un fidanzato che vuole stare con lei) e dunque gli opposti si attraggono ma per un tempo limitato perchè all’inizio il diverso ci incuriosisce, ne siamo attrtti e allo stesso tempo spaventati e vogliamo renderlo simile a noi perchè non rappresenti una minaccia (il principio della dissonanza cognitiva lo spiego anche in questo articolo), ma il punto è che questa opposizione l’hai creata tu, è una tua convinzione. Tu puoi scegliere di essere diverso. L’amore è qualcosa di difficile da spiegare è irrazzionale e ci innamoriamo anche se razionalmente non ci sono presupposti. Io credo che tu debba lavorare sull’immagine che hai di te stesso capire chi sei, chi vuoi essere, cosa vuoi da questa ragazza che non può tenere il piede in due staffe perchè non reggerà. Devi decidere se vuoi fare il secondo uomo o farti valere. Io credo che nella poizione in cui sei comunque per lei rappresenti il debole, e una donna non vuole stare con un uomo che non ha le palle, sei solo un ripiego e tu hai scelto di esserlo. Perchè non dai una svolta a questa storia cambiando personaggio? Non avere paura, rischia perchè se non rischi lei comunque si stuferà, gli opposti a lungo termine si allontanano e inoltre è anche una legge biologica, è l’uomo che deve saper condurre i giochi, e la femmina sceglie il maschio forte, attualmente sei solo un giocattolo nelle sue mani che prende e lascia quando vuole, ti rimpiazzerà. Dagli paura di perdere, in amore vince chi fugge come fa lei con te, prova a farlo tu invece. Se innalzi la tua autostima credendo in te stesso, nell’uomo che sei sarai piùattraente anche agli occhi di lei e delle altre donne. Se pensi di essere uno sfigato e come tale ti comporti lo crederanno anche gli altri. Non ti posso dare consigli precisi su come agire ma se ci tieni a lei chiedile di scegliere se invece sei un amante convinto e ti piace questo ruolo è inutile stare a parlere devi accettare le condizioni di quel ruolo effimero.

DOMANDA
Accetto tutte le tue critiche ed i tuoi consigli su come e su da chi dovrei essere attratto come e perchè. Io non stò di certo frequentando lei per tenere questa posizione di secondo per sempre, ma se non riesco a vivere la situazione di pericolo di soffrire con lei non riuscirò a viverla mai e con nessun’altra donna. Dunque il problema stà a monte della mia relazione con questa donna e la condiziona, come condizionerebbe la mia relazione con qualsiasi altra donna, anche la più brutta single e rassicurante delle donne probabilmente non saprebbe darmi la sicurezza di non soffrire che mi aspetto. Io non chiedo consiglio solo per la relazione con questa donna, ma per crescere la mia stessa identità di uomo. Ho un blocco dovuto all’aver sofferto per amore in passato e lo stesso scrivere di questo ammetterlo e cercarne le vie d’uscita, comunque sia mi stà aiutando a capire il mio problema ed a crescere come uomo.

RISPOSTA
Essere gelosi e soffrire per amore è una cosa normalissima, se così non fosse non saresti innamorato.
se la situazione ti crea ansia è perchè tu vivi questo malessere coma la normalità, cerchi lo stress per essere in una condizione che per il tuo corpo è normale. devi lavorare sulla tua autostima, sul concetto di normalità, sul come vorresti essere e come fare concretamente per diventarlo, anche cambiano abitudini e situazioni. Non colpevolizzarti, è normale avere delle pretese su chi amiamo perchè più stimiamo una persona e più abbiamo aspettative su di lei. Tutti abbiamo dei difetti e in una coppia si tratta di capire se possiamo accettare i difetti dell altro senza cambiarlo, ma giungendo a compromessi. Fino ad ora mi sembra che i compromessi siano solo i tuoi. Fatti valere. Non è detto che se questa storia va male, come quella passata, sia così anche per le prossime.
In bocca al lupo

GD Star Rating
loading...
Paura del rifiuto, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Comments
2 Risposte to “Paura del rifiuto”
  1. antonio scrive:

    A ME DICONO CHE IO ABBIA IL PENE PIKKOLO INVECE NON E VERO
    PERCHè IO SONO INVALIDO?

    GD Star Rating
    loading...
    • Ilenia scrive:

      ILENIA: chi te lo dice? te lo deve dire chi ne ha visti tanti! cmq non contano le
      dimensioni in amore e anzi di solito chi ha il pene grosso non lo usa bene

      GD Star Rating
      loading...
Lascia un commento