Io, tu e… l’altra. Quando l’amore diventa a tre


Quando l'amore diventa a tre. Amante?Succede spesso, quando il sentimento “padre” sfugge al nostro rapporto con il partner (nella maggior parte dei casi dopo anni di rapporto di convivenza), di richiamare l’aiuto dell’”altra” (per altra intendo un’altra entità/persona che entra a colmare ciò che vorremmo del nostro partner). Questo per vari e ovvi motivi: affievolimento di interesse, ricerca della perfezione nel partner, eccessiva sicurezza e scontatezza della persona che ci è vicina, ricerca di novità, ricerca di autostima. L’”altra” molte volte è un’entità presente nella nostra mente che non sempre si può ricercare tra le persone facenti parte della nostra quotidianità. L’immaginazione ricerca un aiuto che entri nel nostro quotidiano e ci faccia  ritrovare quegli stimoli che ci permettono di continuare il rapporto con il nostro attuale partner (perchè ne siamo convinti, è questo il partner ideale per la nostra famiglia). Spesso… non ci si accontenta di ciò che si ha e siamo costantemente alla ricerca di una perfezione introvabile che nella maggior parte dei casi risulterà un fallimento totale. C’è chi per “rispetto del partner” immagina e colma le mancanze soltanto con la fantasia; c’è invece chi cerca “rapporti paralleli” per ritrovare un equilibrio perso e che forse in questo modo non ritroverà mai.

Perchè questo succede? La nostra mente è contorta ma spesso banale e scontata. Dal mio punto di vista è soltanto una scusa per motivare le nostre reazioni. Cerchiamo di creare un’impronta che ci permetta di giustificare le nostre azioni di ricerca continua di novità perchè insoddisfatti, annoiati, stressati, ecc. Dialogare, per esempio potrebbe essere un buon inizio MA… il dialogo presuppone tempo e il tempo ormai non c’è più. Smettiamo allora di lamentarci del nostro rapporto e di giustificare la ricerca di novità. Perchè non cerchiamo nel partner le novità?
Perchè le sue abitudini ormai sono a noi scontate? Perchè abbiamo bisogno di qualcuno che ci faccia mentalmente “soffrire”? Oppure perchè siamo soltanto stupidi?
Non voglio dare giudizi ma soltanto creare piccole provocazioni che permettano a tutti voi di pensare che il tempo non è una buona scusa. Il tempo si trova sempre per le cazzate, quindi il vostro partner vale meno di una cazzata?

Se pensate sia così, evitate rapporti troppo “complicati”, probabilmente la vita di coppia non fa per voi, probabilmente la vostra mente è pigra e preferisce i rapporti superficiali, molto più semplici da gestire. Però, smettete anche di lamentarvi dicendo a chi vi stà vicino che siete alla disperata ricerca di un amore profondo ma… che non riuscite a trovare. NON VOLETE TROVARLO, quindi mentalizzate questa risposta e state da soli, nel bene ma anche nel male.

GD Star Rating
loading...
Io, tu e... l'altra. Quando l'amore diventa a tre, 4.8 out of 5 based on 4 ratings
Lascia un commento